VILLA

DEL QUADRARO A SUD DEL CAVALCAVIA

SCOPERTA

Fra il 1987 e il 1993 le Ferrovie intrapresero degli scavi lungo la linea Roma Ciampino. Fra la ferrovia e l’Acquedotto Claudio–Anio Novus vennero trovate numerose strutture di quello che, possiamo definire come un antico Autogrill, un luogo di ristoro per coloro che viaggiavano lungo la Via Latina.

LA VILLA

La villa occupata sin dall’età repubblicana è divisa in due ambienti, comunicanti tra di loro, entrambi decorati, nei pavimenti con degli splendidi mosaici in bianco e nero. L’edificio molto vasto era costruito in tufo, materiale a disposizione dalla vicina area dei Castelli Romani, venne trasformato tra il terzo e il quarto secolo dopo Cristo, in un cimitero con banconi per sorreggere sarcofagi.

Mappa Villa

1. Primo ambiente 1a. Salone Absidato 1b. Complesso Termale  1c. Soglia 2. Secondo Ambiente 3. Soglia in Travertino Basolato in Peperino  4. Sette Stanze 5. Latrina 6. Porticato 7. Sepolture alla cappuccina 8. Monumento Funerario 9. Mansio 10. Colombario 11. Camera Ipogea 

PRIMO AMBIENTE

Il primo ambiente, costituito da una struttura a pianta trapezoidale (n°1), mosaicato con delle decorazioni geometriche esagonali, circondate da quadrati ed ornato con pilastri in travertino.

Al suo interno troviamo un Salone Absidato (n°1a), dove venne ritrovato un grande sarcofago con figure angolari. Questa grande sala è decorata con intonaci e rifiniture in marmo, pavimentata in opus sectile, con formelle bianche e rosse ed un mosaico, con inserti di marmi policromi.

Al lato della Sala Absidata si aprono dei corridoi e degli ambienti, realizzati in latericium, tufo e marmo, appartenenti ad un complesso termale (n°1b). Di fronte troviamo un piazzale lastricato con lastre rettangolari e circolari.

Questa zona è separata dal secondo ambiente da una soglia (n°1c), riccamente decorata con una treccia ondulata, il cui interno è ornato con cerchi con svastiche, alternate a rosette.

Villa del Quadraro

COMPLESSO TERMALE

Al di sotto del pavimento si rinvennero, tre cisterne con pozzi, che possono forse essere identificate con le piscine limarie dell’Acquedotto Anio Vetus, come ricordato dallo stesso Frontino, che ci narra di una vasca di decantazione di questo acquedotto sita a meno di quattro miglia da Roma.

Difatti venne rinvenuto all’interno dell’edificio un impianto termale (n°1b), dotato di sospensurae, ossia dei pilastri rialzati sopra le quali veniva collocato il pavimento, formato da un piccolo bagno con il proprio praefurnium direttamente collegato con alcune piccole stanze, interpretabili come una stazione di posta molto simile a quella incontrata nel parco archeologico delle tombe latine presso il III miglio della Via Latina.

 

Foto di sospensurae in una terma di Cipro

SECONDO AMBIENTE

Un lungo corridoio pavimentato con un’elegante raffigurazione di un delfino, mette in collegamento altre sette stanze allineate, quadrate e uguali fra di loro (n°4).

Un meraviglioso mosaico è presente all’interno di un quadrato dove è raffigurato un cratere campanato, con anse a volute verticali, da cui zampilla l’acqua e ai cui lati si rinfrescano quattro colombe.

Nell’ultima stanza troviamo un pozzo rivestito in terracotta, per mezzo del quale possiamo dedurre che questo spazio fosse destinato come latrina (n°5 )della villa. Da questa stanza si sviluppa il canaletto di scolo in direzione ovest.

Sul lato occidentale della villa si ergono le fondazioni, in conglomerato cementizio, dei montanti di sostegno, che facevano parte di un porticato (n°6)

 

A destra posibili basolati delle colonne del tempio

MONUMENTI FUNERARI

All’interno del porticato (n°7) sono state trovate una trentina di sepolture alla cappuccina, fra cui la tomba di una bambina con un grande anello in rubino.

Continuando il percorso a circa 25 metri è stata rinvenuta una grande fondazione circolare (n°8), appartenente ad un edificio funerario, e poco più in là incontriamo il colombario del Quadraro (n°10) e la meravigliosa camera ipogea del Quadraro (n°11).

A pochi metri è stata rinvenuta un’altra struttura probabilmente appartenente ad una mansio (n°9) dove è stato trovato un altare marmoreo con un’iscrizione dedicata al liberto Marcus Ulpius Agusti. Nella stessa struttura venne trovata la superba Statua della Nereide su Pistrice, della metà del I Sec. a.C. che oggi possiamo ammirare nell’Antiquarium di Via di Lucrezia Romana.

 

Nereide

COSA SONO LE NEREIDI?

Le nereidi sono figure della mitologia greca, ninfe marine, figlie di Nereo e della Oceanina Doride, creature immortali rappresentate come fanciulle con i capelli decorati con di perle, a cavallo di delfini o cavalli marini. Fra le Nereidi celebri si ricorda Anfitrite, sposa di Poseidone e Teti, madre dell’eroe Achille.

Arrow
Villa Flavianus

VILLE

Villa al nord del cavalcavia

VILLA A NORD DEL CAVALCAVIA

Villa di Gaio Menio

VILLA DI GAIO MENIO

Villa fra la marrana e l'acquedotto Felice

VILLA FRA LA MARRANA – FELICE

Villa del V miglio

VILLA V MIGLIO

Villa Flavianus

VILLA DI FLAVIUS DEMETRIUS